Porto di Messina

Il Porto di Messina, con il suo bacino storico antistante la struttura urbana, gli approdi al di fuori di questo a nord e quelli di più recente realizzazione in località Tremestieri, è anzitutto il punto di collegamento con le antistanti coste della Calabria cui è collegato da frequentatissimi collegamenti dei traghetti e mezzi veloci.
Non trascurabile è il traffico commerciale e i collegamenti ro-ro di medio e lungo raggio e significativo il movimento crocieristico.
Rilevante è l’attività dell’industria cantieristica localizzata in porto.
Complessivamente le varie zone portuali dispongono di circa 17 ormeggi su un fronte banchinato di circa 2.300 metri lineari.
Nell’ambito della circoscrizione dell’Autorità Portuale di Messina è ricompreso anche il porto di Milazzo, capolinea dei collegamenti con le isole Eolie, nonché considerevole porto petrolifero a servizio della raffineria, situata poco ad oriente dell’area abitata, che movimenta via mare circa 16 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi.
Le banchine del porto di Milazzo sono all’incirca pari a 1.700 metri lineari con circa 6 accosti.