Porto di Salerno

Il Porto di Salerno assolve un ruolo importante al servizio del sistema industriale e commerciale del centro e sud Italia. Esso è collegato, mediante la rete stradale ed autostradale, alla piattaforma logistica di Nola-Marcianise, a quella di Battipaglia e all’aeroporto di Capodichino. Numerose sono le linee marittime di collegamento con i porti del Mediterraneo e, in particolare, del Tirreno, nonché i servizi regolari di trasporto con i principali scali europei e mondiali. Il Porto di Salerno ha una superficie complessiva di 1,7 milioni di mq, 15 accosti su 5 moli, con uno sviluppo lineare complessivo di 3 Km e fondali a 11,5 m. Le banchine hanno una superficie di 500.000 mq, dei quali 400.000 mq destinati allo stoccaggio e movimentazione merci (15.000 mq sono coperti) e 100.000 mq alle strade di circolazione ed aree di servizio. Il porto garantisce servizi veloci ed efficienti h24 ed è dotato di mezzi meccanici tecnologicamente avanzati e capannoni attrezzati. L’elevata capacità di movimentazione delle merci, l’ottima organizzazione del lavoro e la grande professionalità degli operatori portuali hanno contribuito a creare un’industria portuale con elevati standard operativi, determinando una crescita costante dei traffici. È il 5° regional port italiano per movimento di containers; significativo è il traffico di veicoli nuovi e di merci varie. Salerno è inoltre diventato un importante capolinea delle “Autostrade del Mare”, offrendo, attraverso moderne navi Ro/pax, regolari e puntuali collegamenti con i porti di Valencia, Malta, Tunisi, Tripoli, Messina, Palermo e Olbia. È in fase di sviluppo il settore crocieristico, che riceverà un forte impulso con il completamento dei lavori di costruzione della Stazione Marittima; lo scalo salernitano entrerà, così, nel circuito dei più importanti porti crocieristici del Mediterraneo.

Porto di Salerno
Porto di Salerno